Hirokazu Kobayashi Bronze Memorial Statue

by VITTORIO TESSARO - Italian master sculptor Vittorio Tessaro was commissioned to create the portrait of the great Aikido Master Hirokazu Kobayashi by Andrè Cognard in 2018. The monument was inaugurated at the Aikido Academy in Bourg-Argental in France to commemorate 20 years of Kobayashi sensei's death. This is how this important bronze memorial statue came about, described in a story shared by Vittorio Tessaro himself

Le Soggettività nell’Aikido

di GIANCLAUDIO MARIA VIANZONE - Molti “Maestri” occidentali nutrono l’errata convinzione che i principi etici e filosofici del Budo, fra cui è insito l'Aikido, possano mutarsi, così come le tecniche, in base alla propria soggettività. Il problema della soggettivizzazione, è strettamente legato al carattere “individualista” della società occidentale, oggi sempre più marcatamente, ma la visione cosmologica e Shinto-buddhista del popolo nipponico è invece attualmente palese nelle sue implicazioni antropo-socio-culturali. Non è una questione di “interpretazione” ma la preponderante esigenza di non confondere l’apparenza con l’essenza

Dove Sta Andando l’Aikido?

di LUIGI CARNIEL - Nello sviluppo dell'Aikido contemporaneo "vedo lo specchio della società odierna in cui la violenza deve essere bandita, scacciata ovunque, sia verbalmente (attraverso il politicamente corretto) sia attraverso i comportamenti. Distorciamo persino i testi in modo che i nostri cari bambini non imparino la violenza. Per mancanza di coraggio, ci indulgiamo in questa ‘harmony-light’ che, inserita in seno all’aikidō, lo fa presentare come un’arte marziale pacifica. In questo modo si è convinti di praticare un budō non violento. Così però si dimentica che l’Uomo è violento per natura, e che anche la cosiddetta ‘non violenza’ è, nei fatti, violenta essa stessa"

Morihei Ueshiba’s Budo Manual (1938): Saito Sensei’s Video Version

Anyone who has attended a Morihiro Saito Sensei seminar will remember how the master often referred to a small illustrated manual written by Morihei Ueshiba. He would open this booklet to the page pertaining to the technique he was explaining, walk past each pupil to show it to them and repeat: 'O'Sensei. O'Sensei", as if to validate his technical explanation with the seal and approval of the supreme authority: Morihei Ueshiba, the Founder of Aikido.

L’Aikidō e il Randori Incompleto

di ADRIANO AMARI - Per poter camminare nella pienezza del “Jutsu” bisogna accumulare gli elementi necessari per comprendere attraverso questo il “Dō”, o varietà del divenire, e il proprio posto in esso. Purtroppo, la maggioranza dei corsi d’Aikidō si ferma alla fase iniziale del primo gradino, credendo in una visione supposta olistica della pratica e in un falso concetto di inesistente “neutralizzazione della violenza e ristabilimento dell’armonia”

Il Cervello nella Pratica Marziale

di ANDREA MAZZONI - Siamo abituati a pensare che lo sport lavori sul corpo e abbia come scopo il miglioramento dello stesso, della coordinazione e di tutto quello che riguarda l’aspetto fisico. Va però ricordato che corpo-mente-cervello sono un’unica unità e se si ha un cambiamento in una parte, si avrà una ripercussione in un’altra. Tratto da Nihon Tai Jitsu Ju Jutsu - L’Eredità dei Samurai, il manuale a firma di Andrea Mazzoni recentemente pubblicato da The Ran Network, il presente articolo offre un'interessante prospettiva sulle metodologie di apprendimento

L’Energia Interiore

di MAURIZIO MALTESE - Da bambino rimasi affascinato dalle arti marziali orientali per la disciplina, il mistero, la spiritualità e la potenza che riuscivano ad esprimere i praticanti di queste materie. Presto colsi la differenza tra le arti marziali occidentali, meglio conosciute come sport da combattimento (lotta, pugilato, scherma) e le arti di provenienza orientale. Capii che dietro gli intriganti rituali, le discipline orientali nascondevano un bene prezioso per l’umanità intera: l’energia interiore.

A Verifiable Approach

by JOHN BAILEY - One of the reasons Aikido is waning in popularity is that it’s becoming a ‘dead’ art. Most people won’t explore the Aikido universe creatively, so they can’t use creative methods to teach. I recommend to everyone I share with to do quality experimentation – to make a reasonable investment in a method, and to see what the outcomes of that are for their context. This article is an extract from the "Innovator - Interview with John Bailey", a booklet full of ideas and suggestions about how to develop creativity in our daily Aikido practice