Uka (Haru) Onoda, la Sculptrice d’Aïkido

by SIMONE CHIERCHINI - "Le jour où il sera possible de parcourir l'entière histoire de l'Aikido en Italie, un chapitre sera sans doute consacré à Haru Onoda, pionnière de l’Aikido dans notre Pays, depuis les temps où l'existence de cet Art était connue chez peu de amateurs d'arts martiaux et de choses japonaises" [1]. Avec ces mots prophétiques, Giovanni Granone, pilier de l’Aikido national pour plus de trois décennies, décrivait en 1973 l’importance du rôle joué par la jeune Onoda en Italie dans ses dix ans de permanence et travail en Italie

Uka (Haru) Onoda, Aikido Sculptress

by SIMONE CHIERCHINI - "One day, when it will be possible to trace a history of Aikido in Italy, a chapter will undoubtedly be dedicated to Haru Onoda, a pioneer of Aikido in our country, since the days when the existence of this art was only known to a few lovers of martial arts and Japanese things" [1]. With these prophetic words, Giovanni Granone, a column of Italian Aikido for over three decades, in 1973 described the importance of the role played by the young Onoda in Italy in her ten years of stay and work in our country

Uka (Haru) Onoda, la Scultrice dell’Aikido

di SIMONE CHIERCHINI - "Quando un giorno sarà possibile tracciare una storia dell'Aikido in Italia, un capitolo sarà indubbiamente dedicato a Haru Onoda, pioniera dell'Aikido nel nostro Paese, sin dai tempi in cui l'esistenza di quest'Arte era nota a pochi cultori di arti marziali e di cose giapponesi" [1]. Con queste profetiche parole, Giovanni Granone, colonna dell'Aikido nazionale per oltre tre decenni, nel 1973 descriveva l'importanza del ruolo svolto dalla giovane Onoda in Italia nei suoi dieci anni di permanenza e lavoro nel nostro paese

The Great Old Man – Interview with Danilo Chierchini

by SIMONE CHIERCHINI - Danilo Chierchini is the great old man of martial arts in Italy. A Judo pioneer in Italy in the 1950s and a national team champion in 1954; the founder of the first permanent Aikido dojo in Italy and the signatory of the letter to the Aikikai Hombu Dojo that brought Hiroshi Tada to Italy in the 1960s; the first Aikikai Aikido shodan in Italy (together with 18 other pioneers) in 1969; the director of Italian Aikikai Central Dojo in Rome from 1970 to 1993; a founding member and then President of the Italian Aikikai for 12 years; and 5th Dan Aikikai since 1979, he is a pillar of Budo in our country, even if he has been retired for years and has not been heard from for a while. I tracked him down in his Tuscan retreat, and with the help of some good Vino Nobile di Montepulciano I loosened his tongue. Do not expect, however, the classic interview on Aikido

Il Grande Vecchio – Intervista a Danilo Chierchini

dI SIMONE CHIERCHINI - Danilo Chierchini è il grande vecchio delle Arti Marziali in Italia. Pioniere del Judo in Italia negli anni Cinquanta e campione nazionale a squadre nel 1954, fondatore del primo dojo di Aikido regolare in Italia e firmatario della lettera all'Hombu Dojo che portò Hiroshi Tada in Italia negli anni Sessanta, primo Shodan Aikikai in Italia (in compagnia di altri 18 pionieri) nel 1969, direttore del Dojo Centrale di Roma dal 1970 al 1993, socio fondatore e poi Presidente dell'Aikikai d'Italia per 12 anni, 5° Dan Aikikai nel 1979. Una colonna del Budo nel nostro paese, anche se da anni si è ritirato e da un pezzo non dà notizie di sé. Io l'ho stanato nel suo ritiro toscano, e con l'aiuto di un po' di Vino Nobile di Montepulciano gli ho sciolto la lingua, ma non aspettatevi la classica intervista sull'Aikido...