Le Tecniche Imparate Attraverso il Kata Possono Essere Rivitalizzate con il Randori


Quei tipi di bujutsu che con la scomparsa degli scontri di strada avevano perso l’opportunità di allenarsi nello shiai mostrarono segni di degenerazione, a causa del fatto che era impossibile per i loro praticanti sperimentare personalmente il vero potere delle arti marziali e il nucleo dei principi delle arti. Come mezzo per correggere questo declino, furono inventate la pratica con la spada di bambù del Kenjutsu e la pratica del combattimento libero (randori geiko) del Jujutsu

di KENJI TOMIKI

Il metodo di pratica tradizionalmente utilizzato per garantire lo studio sicuro di tecniche pericolose era il sistema di pratica dei kata. Nell’antico bujutsu, il 99% della pratica era completato attraverso i soli kata. Vale a dire, per far fronte agli attacchi illimitati di un avversario, ogni risposta veniva praticata per mezzo di kata. Questa è la ragione per cui nell’antico jujutsu il numero di kata è estremamente alto. Ad esempio, nel Tenjin Shinyo Ryu jujutsu c’erano 124 kata, ciascuna comprendente molte tecniche, e c’erano oltre 100 ranho (catture non strutturate). Per diventare esperti nelle applicazioni pratiche delle tecniche occorre un tempo lunghissimo. Poi, qualcuno veniva sfidato e passava direttamente dal kata a uno shiai violento (letteralmente un combattimento di strada) chiamato tsujinage o tsujigiri. Questo rendeva vivi i kata ed era il luogo in cui si cercava di valutare oggettivamente le proprie reali capacità.

Un’arte marziale che non ha regole, tuttavia, non è altro che violenza. Gli scontri di strada di quei tempi finivano per essere nient’altro che violenza. È vero che un guerriero, oltre a coltivare la mentalità di essere predisposto alla morte, deve partecipare allo shiai per affinare e valutare le proprie abilità; ma gli shiai di quel tempo, essendo poco strutturati come erano, erano giustamente visti dagli istruttori di arti marziali come violenti e dannosi. Negli scritti tradizionali di budo c’è un divieto contro lo shiai. I novizi che entravano nello shiai senza sufficiente preparazione venivano giustamente ammoniti riguardo al pericolo molto probabile di perdere la vita.

Kendo in Giappone, circa 1870-1880

Dopo la metà del periodo Edo i tempi cambiarono; lo shiai che poteva causare lesioni con conseguente morte fu severamente proibito dalle autorità. Gli scontri armati in strada finirono. Di conseguenza, da alcuni fu deciso che l’allenamento del bujutsu si sarebbe svolto dall’inizio alla fine solo attraverso i kata. Subito dopo, quei tipi di bujutsu che con la scomparsa degli scontri di strada avevano perso l’opportunità di allenarsi nello shiai mostrarono segni di degenerazione, a causa del fatto che era impossibile per i loro praticanti sperimentare personalmente il vero potere delle arti marziali e il nucleo dei principi delle arti. Come mezzo per correggere questo declino, furono inventate la pratica con la spada di bambù del Kenjutsu e la pratica del combattimento libero (randori geiko) del Jujutsu.

Per un esempio del declino delle abilità dovuto alla perdita dello shiai, si noti che all’interno del Kenjutsu, nel mezzo dell’era Edo, le scuole come Kempo-Kaho furono ridicolizzate. Il ridicolo derivava dal fatto che queste scuole si rivelarono avere pratiche di solo kata che rendevano facile sviluppare punti deboli. Si dice che il rigore dell’allenamento al bujutsu sia stato dimenticato, che l’addestramento sia affondato in modi accomodanti, che non sia stata cercata la vera forza e che sia aumentata l’attività pretenziosa e pomposa. In breve, la storia riporta tristemente che i kata di spada del Budo siano degenerati in kata di spada da palcoscenico.

Questo disprezzo che è stato accumulato sulle scuole di solo kata, tuttavia, deve essere messo nella giusta prospettiva. Le tecniche di ju-jutsu erano progettate – ed erano molto efficienti – a mutilare e uccidere. La pratica del kata viene eseguita per evitare il massimo potere delle tecniche e per molte tecniche questa avversione è saggia. Tuttavia, anche quando si studia il combattimento con la spada usando le armi relativamente sicure della spada di legno o della spada di bambù del Kendo, per il pieno sviluppo di un artista marziale è ancora necessario vivere il momento dello scontro finale in un combattimento. Anche qui, comunque, in nove casi su dieci, si potrebbero assorbire i principi insegnati dallo scontro finale attraverso il solo studio dei kata. Ma per quel decimo punto, bisogna osare il momento dello scontro finale.

Fu così che fin dall’inizio del jujutsu, sentendo il bisogno dello sparring e del combattimento, si concepì un allenamento midare geiko (pratica non strutturata) per le tecniche nage-waza (proiezione) e kansetsu-waza (bloccaggio articolare) che vengono utilizzate nelle ultime fasi dei combattimenti corpo a corpo ravvicinati. Fu sulla base di questo tipo di pratica che Kano sensei completò il suo sistema di allenamento randori durante e dopo il periodo Meiji. Il suo sistema è il moderno Judo da competizione, che pone l’accento sul nage-waza, le tecniche di proiezione.

La pratica del Randori e quella dello sparring sono qualcosa che viene fatto per dare vita e dimostrare il vero potere di quelle tecniche che sono state apprese per la prima volta dallo studente attraverso i kata. Vale a dire, il randori fornisce i mezzi per completare un drago dipinto riempiendone gli occhi. Le tecniche di arti marziali delle vecchie scuole di jujutsu, tuttavia, erano piuttosto varie e avevano numerosi stili di combattimento corpo a corpo. Pertanto, era impossibile incorporare tutti questi stili, per non parlare delle tecniche che le accompagnavano, in un unico sistema di allenamento basato sul randori. Enfatizzando il nage-waza, le tecniche di proiezione, il judo ha dovuto per forza tralasciare in gran parte l’atemi-waza, o tecniche di percussione, e il kansetsu-waza, o tecniche di bloccaggio delle articolazioni. Di conseguenza, ho riunito le parti importanti dell’atemi-waza e del kansetsu-waza, e l’argomento che ci resta davanti è l’organizzazione di un altro sistema di addestramento del randori.

Fonte: On Jujutsu and its Modernization By Kenji Tomiki
Translation Copyright 1986 by Robert W. Dziubla & Fumiaki Shishida


Aikido Italia Network is one of the main Aikido and Budo sites in Italy and beyond.
Researching and creating content for this virtual Aiki temple of ours requires a lot of time and resources. If you can, give us your support in the form of a small monthly subscription. It is a very small contribution, but we would accept it with gratitude. If you don’t want to do it, it’s okay. Aikido Italia Network is and will always remain free and we will always be delighted to have you here.
Thanks!
Simone Chierchini, Founder of Aikido Italia Network