Chiba Sensei Spiega la Difficoltà di Insegnare Aikido ai Bambini


Non sono un esperto in materia di bambini e Aikido, poiché ho solo un’esperienza limitata nel settore rispetto alla mia esperienza nella formazione degli adulti. Inoltre, la mia esperienza è limitata principalmente ai giapponesi e ai bambini che hanno familiarità con la cultura giapponese. Per questo motivo, credo che ci siano persone più qualificate di me per affrontare le specifiche questioni uniche rispetto alla formazione dei bambini. Spero che saremo in grado di condividere le esperienze e le conoscenze di queste persone in modo da poter approfondire l’argomento

di KAZUO CHIBA

L’Aikido per bambini è importante non solo perché il futuro dell’Aikido in questo paese [gli Stati Uniti] è affidato a loro, ma perché questa è un’area in cui l’Aikido deve crescere per diventare veramente parte di questa società.

Sono grato nei confronti degli insegnanti che negli ultimi anni hanno condotto uno studio approfondito sull’argomento all’interno della regione occidentale dell’USAF. Hanno lavorato per estendere le nostre capacità in questo settore e sono stati disposti a condividere ciò che hanno imparato. Ritengo inestimabile il loro contributo. Più di ogni altra cosa apprezzo il loro amore e interesse per il benessere dei bambini. Comprendo che il lavoro e gli studi condotti da questi insegnanti sono stati progettati principalmente per sviluppare le competenze di base richieste prima che i bambini possano essere introdotti ai metodi e alle tecniche di allenamento tradizionali dell’Aikido. Se ho capito bene, l’allenamento “pre-Aikido” è progettato per bambini relativamente piccoli, con un’età compresa tra i cinque e gli otto anni circa.

Secondo me, tuttavia, questa forma di allenamento non deve necessariamente essere limitata a quelle età. Man mano che la società in cui viviamo diventa sempre più meccanizzata, i bambini sono sempre più isolati dal loro ambiente naturale. Ciò interferisce con lo sviluppo delle loro capacità fisiche e mentali naturali e istintive in vari modi, influenzando cose come coordinazione, riflessi, consapevolezza ed equilibrio, che altrimenti si svilupperebbero più o meno naturalmente attraverso l’esposizione all’ambiente naturale.

Inoltre, cose come la dieta, che a causa del cambiamento dello stile di vita include un eccesso di alimenti artificiali di scarsa qualità come fast food e cene televisive, e un sistema di istruzione pubblica incline allo sviluppo intellettuale, influenzano anche lo sviluppo dei bambini. Come conseguenza di queste tendenze sembrano esserci sempre più bambini a cui manca il naturale sviluppo delle capacità fisiche che altrimenti ci si potrebbe aspettare alla loro età.

Ciò che mi ha interessato e stupito di questi programmi di Aikido per bambini che sono stati sviluppati, è che sebbene i bambini non siano sotto pressione o stress per apprendere qualsiasi forma o tecnica tradizionale, sono in grado di sviluppare abilità di base partecipando a giochi appositamente progettati a tale scopo, in un’atmosfera gradevole e persino piacevole. Il principio alla base di questo tipo di pratica sembra essere quello di estrarre il potenziale già nascosto all’interno di ogni bambino, invece di costringerli ad imparare dall’esterno.

Tuttavia, in questa fase non mi è chiaro come un simile programma per i bambini possa essere collegato organicamente al concetto di disciplina specifico all’allenamento delle arti marziali. Nella formazione tradizionale gli allievi vengono sottoposti a stress, sia fisicamente che mentalmente, per affrontare le avversità nelle situazioni e imparare a sopportarle senza indulgenza personale. Questi sono elementi vitali che promuovono lo spirito di resistenza, sfida, concentrazione, consapevolezza, senso dell’ordine e fiducia in se stessi, ecc.

Imparare un’abilità è una cosa; essere in una situazione quando si presenta e viverla è un’altra. Se l’obiettivo ultimo nello studio di un’arte marziale è padroneggiare le abilità, i metodi di studio e insegnamento possono essere focalizzati sulla padronanza fisica dell’arte
senza necessariamente coinvolgere gli altri aspetti dello sviluppo del carattere. Questo approccio alla formazione è orientato agli obiettivi e la formazione diventa un mezzo per raggiungere o conseguire un obiettivo. Tuttavia, questo non è vero per la disciplina tipica delle arti marziali, che sottolinea l’importanza di essere lì, a farlo.

Il concetto fondamentale alla base delle attività ricreative o sportive in Occidente può essere visto come la ricostruzione delle attività originali dell’uomo, associate al suo desiderio istintivo di uno sviluppo continuo e positivo all’interno di quella società. Gli elementi considerati indesiderabili per il benessere della società sono stati sistematicamente rimossi e lo spirito di base su cui è fondata è il godimento e la nozione di autoaffermazione. Sebbene la maggior parte delle arti marziali originarie del Giappone siano diventate sport, lo sviluppo delle arti marziali giapponesi, insieme allo sviluppo della cultura giapponese nel suo insieme, ha in qualche modo preso una strada diversa da quella degli sport in Occidente. Non sono qualificato per descriverlo in dettaglio. Tuttavia, il suo concetto di base è la disciplina, fortemente supportata dalla nozione di abnegazione. La disciplina nella cultura tradizionale giapponese cerca e attribuisce importanza all’essere qui ora, al trovare la “perfezione” nella pratica, piuttosto che nella realizzazione o nel risultato.

Sembra esserci un’opinione generalmente condivisa secondo cui l’Aikido è difficile per i bambini per i seguenti motivi:

  1. Dal momento che non è competitivo, è difficile concentrarsi sulla formazione.
  2. Un certo numero di tecniche sono considerate potenzialmente pericolose per un corpo immaturo.
  3. L’Aikido richiede un’alta concentrazione e presenza mentale mentre si eseguono forme in modo ripetitivo, e i bambini tendono ad annoiarsi o a perdere interesse.
  4. L’Aikido è troppo sofisticato e intellettuale per l’apprendimento dei bambini.

Concordo sostanzialmente sul fatto che tutti i punti sopra menzionati siano ostacoli all’apprendimento dell’arte; ma li considero positivi, proprio nel modo in cui sono descritti. Sono questi aspetti dell’allenamento che rendono l’Aikido quello che è. Non ne rimarrebbe molto se li evitassimo. Pertanto non dobbiamo aver paura di presentare l’Aikido ai bambini con la sua struttura di base intatta. Tenendo presente che tutti i punti sopra menzionati sono potenziali ostacoli, dobbiamo porli in una luce positiva.

Innanzitutto, la non competitività è un valore essenziale che l’Aikido può offrire ai bambini. La risposta a come ci concentriamo nella nostra formazione deve essere trovata all’interno di questo valore. La società di oggi presenta già un eccesso di competizione in ogni aspetto della vita. Il valore della vita stessa è compreso principalmente in termini di vittoria, affermazione, successo, ecc. Il vero valore degli individui non può essere trovato confrontando l’uno con l’altro. La sfida di base dell’educazione è su come mettere in luce il potenziale all’interno di un individuo e come farlo emergere, senza riguardo per tempo, scopo o qualsiasi giudizio predeterminato sulla sua qualità. L’unico modo per promuovere la dignità individuale e la fiducia in se stessi è aiutare un bambino a diventare orgoglioso di ciò che può essere come individuo e dargli un riconoscimento positivo. Dobbiamo aiutarli a capire che nella vita non esiste fallimento o perdenti, tranne quando diventiamo un fallimento o perdenti in noi stessi. La competizione crea un senso di fallimento o di sconfitta in un bambino quando lei o lui non riescono a raggiungere o realizzare un qualcosa per cui non sono pronti mentre sono ancora giovani.

Inoltre, è innegabile che l’influenza della competizione nella nostra vita ci induca a considerare il lavoro, lo studio e la formazione come nient’altro che un mezzo per raggiungere o realizzare qualcosa, piuttosto che un modo per cercare la crescita personale verso il nostro miglior potenziale. Queste attività possono essere utilizzate per aiutarci a prendere coscienza del modo in cui ci troviamo all’interno di ogni passo che facciamo; per imparare ad essere puro, presente e intero in ogni azione che compiamo nella vita.

Non sono totalmente contrario alla competizione se la si ritiene necessaria a mantenere sana la nostra cultura. Però, sono contrario a lasciare che diventi la corrente dominante della nostra società. Sono convinto che sia prezioso che l’Aikido sia un’arte non competitiva e spero che rimanga tale, soprattutto alla luce del fatto che quasi tutti le altre arti marziali giapponesi sono diventate competitive. L’Aikido, se correttamente presentato, potrebbe essere un efficace contrappeso all’eccessiva competitività responsabile dell’isolamento all’interno delle persone. Esiste un grande pericolo nell’ubiquità della competizione perché ci fa perdere di vista la vera identità dell’uomo e il significato della nostra vita. E quando ciò accade, sono i nostri bambini a soffrire di più.

In secondo luogo, sono consapevole della necessità per i professionisti di studiare e determinare l’effetto dell’allenamento dell’Aikido su corpi immaturi, specialmente per lunghi periodi di tempo. Sebbene questo modo più aperto di presentare i bambini all’Aikido abbia una storia relativamente breve, non ho assistito o sentito parlare di lesioni gravi nelle lezioni dei bambini, nonostante si verifichino in quelle per adulti. Non sono ancora giunto alla conclusione se ciò sia dovuto al fatto che i bambini in generale sono più flessibili, naturali, equilibrati e leggeri degli adulti; o se sia perché gli insegnanti sono stati molto cauti e attenti; o se è perché sono stati fatti sforzi deliberati per eliminare alcune tecniche dall’allenamento dei bambini.

Per quanto riguarda la mia esperienza, fondamentalmente tengo lezioni per bambini nello stesso modo in cui insegno agli adulti (tranne che per l’addestramento alle armi) e ho trovato i bambini abbastanza capaci di apprendere, a condizione che gli sia data più attenzione e che venga mantenuto un forte senso d’ordine nel corso della lezione. Ciò che è potenzialmente pericoloso per gli adulti è anche pericoloso per i giovani e viceversa.

Tuttavia, dobbiamo chiarire che ci sono tre diversi tipi di lesioni che possono derivare dall’allenamento.

Il primo deriva direttamente dall’esecuzione della tecnica. Il secondo risulta indirettamente, ad esempio quando si viene colpiti dal corpo di qualcuno che è stato proiettato mentre riceveva ukemi e altri simili incidenti. Per quanto riguarda questi primi due tipi di infortuni, non c’è modo di prevenirli se non essere con l’essere sensibili nei confronti degli altri, con lo sviluppare la consapevolezza e la presenza della mente e l’apprendimento dell’autocontrollo, che sono tutti preziosi processi di apprendimento per i bambini così come gli adulti.

Della terza categoria di infortuni sappiamo poco. Sappiamo che esistono differenze sostanziali tra il corpo dei bambini e quello degli adulti. Tuttavia, non possiamo essere sicuri di quali aspetti dell’allenamento dell’Aikido, se presenti, potrebbero essere inappropriati per il corpo dei bambini. Per questo motivo, cerco consulenza di esperti in materia in collaborazione con i membri del dojo coinvolti nei programmi giovanili.

Il terzo punto sollevato riguardo i bambini e l’Aikido concerne il loro annoiarsi o disinteressarsi a causa della ripetizione delle forme durante la lezione. Questo è un problema più complicato. Credo che sia un problema minore quando si tratta di bambini giapponesi perché sono più abituati e generalmente hanno un più forte senso di disciplina. La ripetizione delle forme è un concetto fondamentale nell’educazione giapponese e nelle discipline sociali tipiche della cultura giapponese. Ad esempio, i caratteri cinesi vengono appresi scrivendoli ripetutamente, memorizzando l’ordine dei tratti, la forma, il significato, la pronuncia e l’applicazione di ciascuno di un totale di 996 caratteri. Questo di solito viene realizzato all’età di 14 o 15 anni, quando i bambini completano la scuola media e consente loro di leggere almeno il quotidiano.

Questo tipo di ripetizione delle forme può essere estraneo ai bambini americani, ma le forme possono essere insegnate in questo modo se vengono presentate correttamente, il che dipende dalle capacità dell’insegnante. Tuttavia, è mia osservazione che i bambini americani, in generale, mancano di senso di disciplina. Ritengo che gli adulti ne siano responsabili – i genitori e gli insegnanti dei bambini. Per me è stata un’esperienza sorprendente osservare l’eccessiva libertà data ai bambini americani in generale e il modo in cui sono autorizzati a indulgere nella loro libertà. Non posso esserne sicuro, ma penso che per questo motivo non resistano bene a situazioni diverse da quelle che gli piacciono, che trovano gradevoli e godibili in un modo piuttosto emotivo o sensuale. Come ho detto prima, non incolpo i bambini. Semplicemente non è stato loro insegnato il significato della vera libertà individuale, che può essere raggiunta solo attraverso lo studio, il lavoro e il sudore, e che non è un qualcosa che può essere dato incondizionatamente.

La vera libertà individuale non perde mai la sua identità in nessuna circostanza, sia favorevole che negativa. La domanda è: i “mi piace” dei bambini soddisfano sempre le loro esigenze? I bambini sono in grado di giudicare e distinguere tra i loro “mi piace” e le esigenze della propria crescita? Si troveranno sempre in situazioni che gli piacciono per il resto della loro vita? In caso contrario, cosa gli accadrà? Diventeranno disinteressati e rinunceranno alla vita? Crolleranno e basta? O impareranno le lezioni della vita nel modo più duro? Non posso fare a meno di chiedermi quale sia il significato e la forza del nostro amore per i bambini di cui siamo responsabili, come genitori, tutori o insegnanti.

La disciplina impartita nelle arti marziali promuove la consapevolezza etica, morale e fisica e sviluppa senso di responsabilità, sensibilità, spirito di sacrificio, lealtà, coraggio, onestà, concentrazione ed equilibrio mentale/fisico, nonché padronanza delle tecniche. Queste sono tutte considerate virtù della disciplina delle arti marziali. Tuttavia, cosa più importante, il nucleo della disciplina coltiva lo spirito e rafforza la propria resistenza nell’affrontare le avversità e dominarle. Lo fa permettendoci di sperimentare il sé in situazioni stressanti sistematicamente create nell’allenamento delle arti marziali. Ciò non è in conflitto con il principio dell’Aikido di accettare tutti come sono.

L’obiettivo principale non è necessariamente quello di “riuscire”. Piuttosto è solamente di praticare. Pertanto, non esiste un inizio o una fine prefissati. Si accettano gli studenti così come sono, si crea la situazione per loro, e poi si lascia che funzioni dentro di loro. Ciò che vivono in modo soggettivo o ciò che accade dentro di loro è al di là del nostro lavoro di insegnanti. La disciplina sopra descritta è tradizionalmente accettata dalle famiglie giapponesi che inviano i loro figli ad allenarsi in qualsiasi forma di arti marziali. È noto come shugyo e keiko che si basano essenzialmente su principi simili agli esercizi ascetici utilizzati dalle discipline religiose. Se siamo disposti ad accettare questa disciplina di Aikido, sembra che ciò che è richiesto è un cambiamento degli atteggiamenti degli adulti stessi e persino dell’ambiente generale in cui vivono i bambini.

Come ho detto prima, la libertà individuale non è qualcosa che viene dato incondizionatamente ma è qualcosa per cui lavorare, altrimenti non è altro che teoria senza contenuto. È certo che, per rendere l’allenamento di Aikido per i bambini qualcosa di valore e veramente parte della società, è essenziale una più stretta cooperazione tra genitori/tutori e insegnanti. L’atteggiamento secondo cui “Se non vuoi andare, non è necessario” è un ostacolo alla formazione dei bambini. Li priva di supporto al momento della loro formazione quando hanno più bisogno di orientamento e incoraggiamento. Gli adulti con cieca fiducia nella libertà, che permettono ai loro figli di eccedere, sembrano in realtà voler dire “Lasciamo che i miei bambini si divertano così che noi possiamo divertirci, perché non vogliamo essere da loro disturbati”.

C’è un vecchio detto in Giappone: “I leoni buttano giù a calci i loro cuccioli dalla scogliera, 300 metri più in basso”, il che significa addestrarli nelle avversità mostra la vera forza dell’amore. E un’altra massima, “Lasciate a sedere uno su una roccia anche per tre anni”, nel senso di non lasciare che chi è indulgente si auto giudichi – all’inizio del nostro apprendimento o del nostro fare – indipendentemente dal fatto che ciò che impariamo o facciamo sia giusto. L’impegno da solo dovrebbe supportarci per almeno tre anni; poi si vede cosa succede.

Infine, rimane la risposta al punto che l’Aikido è troppo sofisticato e intellettuale ed è quindi difficile da imparare per i bambini. A parte gli aspetti filosofici e spirituali dell’allenamento dell’Aikido, la padronanza fisica dell’arte da sola presenta difficoltà per i bambini. Richiede un certo grado di maturità o prontezza spirituale e intellettuale per essere in grado di apprezzare o comprendere la profondità dei movimenti. Tuttavia, sono convinto che è a causa di queste difficoltà che è importante che i bambini imparino l’Aikido. Consentitemi di riconfermare che ciò che è essenziale si trova nel fare e non nella sua padronanza o nelle conseguenze di essa. Si lasci che il fare (pratica) da solo sia la ragione del fare; si lasci che le conseguenze seguano il loro corso naturale. Altrimenti cadremmo di nuovo nella trappola di rendere la nostra pratica nient’altro che un mezzo per raggiungere qualcosa.

Sono in grado di dirlo solo perché ho una fede inamovibile nell’Aikido e nella sua pratica. Per muovere armoniosamente il proprio corpo con un moto circolare, per deviare o neutralizzare un’energia negativa diretta dall’aggressore, è necessario accettare, piuttosto che confrontarsi o rifiutare. Ciò richiede il raggiungimento di un certo grado di umanità in termini di armonia interna, equilibrio, ordine, intelletto e ragione – il raggiungimento, in definitiva, della fiducia in se stessi. Anche in questo caso, l’importanza non è se si è in grado di farlo o meno, ma è semplicemente nel farlo, ancora e ancora.

Tuttavia, in un certo senso, poiché siamo umani, non lo faremo mai perfettamente. È per questo motivo che l’Aikido è considerato un esercizio di purificazione di tipo permanente. Non si limita al regno fisico, ma include lo sviluppo psicologico, mentale, spirituale e intellettuale dell’intero essere. È sorprendentemente vero che ogni volta che si è in uno stato negativo, come rabbia, odio o paura, non si è in grado di muoversi armoniosamente, ma invece si passa direttamente al confronto con una forza in avvicinamento. In uno stato negativo si risponde alla forza della circostanza con un’esplosione della bestia nascosta innescata dalla natura, o con la paralisi, divenendo totalmente incapaci di muoversi.

Io preferirei mandare un bambino di cui mi importa molto a studiare l’Aikido, piuttosto che imparare a tirare calci e pugni, abilità che sono chiaramente associate al lato più primitivo ed istintivo dell’uomo. Si potrebbe sostenere che l’Aikido non è pratico per l’applicazione in situazioni reali. Ciononostante, manderei comunque mio figlio alle lezioni di Aikido perché cosa potrebbe essere più pratico di farlo diventare una persona sana, umile, armoniosa e sensibile ai valori umani, piuttosto che eccellere nel trare pugni e calci nei combattimenti di strada.

Per concludere questo articolo, vorrei ribadire il fatto che i problemi che stiamo incontrando nell’Aikido per bambini non sono problemi con i bambini stessi, ma problemi che si trovano in noi stessi, nonché nell’ambiente sociale a cui sono esposti i bambini. Dobbiamo cambiare i nostri atteggiamenti e le nostre coscienze per determinare e distinguere tra ciò di cui i bambini hanno bisogno, e ciò che gli piace, e impegnarci maggiormente nella costruzione di un ponte attraverso il quale possiamo trasmettere i nostri messaggi ai loro cuori. Se non iniziamo cambiando noi stessi, è probabile che qualsiasi cosa cerchiamo di fare per loro sia senza radici. Determinare ciò di cui hanno veramente bisogno richiede la promozione della nostra ragione, coraggio, fiducia in se stessi e tutto ciò che emerge dalla vera forza dell’amore.

Ciò di cui abbiamo davvero bisogno è che i genitori divengano coinvolti in un modo più positivo nella formazione dei loro figli, invece di mandarli fuori di casa per loro comodità, trattando il dojo come un asilo nido. Direttamente o indirettamente, sono i genitori che devono praticare Aikido, in un modo o nell’altro. Devono mostrare il loro interesse, impegno, sostegno e incoraggiamento condividendo le lotte, il dolore, il piacere e la felicità dei bambini, i loro alti e bassi emotivi, mentre attraversano le varie fasi della loro formazione.

L’Aikido non è competitivo e non c’è modo per i genitori di essere coinvolti nell’allenamento dei loro figli se non nell’essere lì con loro, direttamente o indirettamente. Il valore dell’Aikido, specialmente nel mondo di oggi, sta nella sua fermezza nel resistere a trofei, medaglie, campioni, vittorie, elogi o qualsiasi altra forma di materialismo. Dovrebbe essere un’educazione profonda per i genitori, poiché se si uniscono all’allenamento dei loro figli, l’Aikido non gli offre spazio per sovrappore la loro gratificazione personale ed egoismo sui loro figli.

Postscritto

Spero che i lettori non si offendano o prendano la mia dichiarazione sui bambini americani come critica. Scrivo questo articolo da un punto di vista delle arti marziali molto tradizionale, l’ambiente in cui sono stato educato.

Shihan TK Chiba
Birankai Founder

Fonte: Sansho, Birankai North-America, Fall/Winter 1988

Copyright Birankai North-America ©1988
Tutti i diritti sono riservati. Ogni riproduzione è severamente vietata
Traduzione di Simone Chierchini ©2020

Tradotto e pubblicato grazie alla gentile autorizzazione di Alex G. Peterson per conto di Birankai North-America


DONATE € 1.00

Aikido Italia Network is one of the main Aikido and Budo sites in Italy and beyond. Researching and creating content for this virtual Aiki temple of ours requires a lot of time and resources. If you can, when you are finished reading one of our articles, donate € 1.00 to Aikido Italia Network. It is a very small contribution, but we would accept it with gratitude. If you don't want to do it, it's okay. Aikido Italia Network is and will always remain free and we will always be delighted to have you here. Thanks! Simone Chierchini, Founder of Aikido Italia Network

€1,00