Discorso Inaugurale dello Shodokan di Tomiki Shihan


Tomiki Kenji 14

Nel 1976, Kenji Tomiki sensei, uno dei più importanti allievi di prima generazione di Morihei Ueshiba e suo braccio destro in Manciuria, fondò lo Shodokan Dojo di Osaka. L’apertura dello Shodokan, avvenuta solamente diversi anni dopo la morte di Ueshiba come forma di rispetto verso O Sensei, costituì il banco di prova per il Tomiki Aikido-style e per l’introduzione delle competizioni in Aikido

di KENJI TOMIKI

Discorso Ufficiale per l’Apertura del Dojo

Vorrei dire alcune parole per celebrare l’odierna apertura dello Shodokan Aikido Dojo.

Il Giappone ha un patrimonio culturale di cui possiamo essere molto orgogliosi a livello internazionale. Nel corso degli anni molti grandi uomini hanno donato il sangue della loro vita al budo giapponese e il loro duro lavoro sta dando i suoi frutti. Le tecniche del budo sono state influenzate da molte credenze religiose orientali come il confucianesimo, il buddismo e lo shintoismo. Pertanto, da molto tempo il budo non riguarda semplicemente le tecniche fisiche, ma piuttosto una “via” spirituale o un “percorso”.

Esistono moltissimi tipi di budo, una abbagliante gamma tra cui scegliere. Anche considerando solo le vecchie scuole di jujutsu, ne esistono 179 registrate, ma come dice una vecchia canzone:

Ci sono molti percorsi diversi ai piedi della montagna,
ma tutti sperano di raggiungere lo stesso meraviglioso vertice.

Allo stesso modo, i molti diversi percorsi di kendo, judo, aikido, karate, ecc. tutti sperano di raggiungere la stessa meravigliosa vetta. Inoltre il vertice viene raggiunto passo dopo passo, imparando una tecnica alla volta. In breve, lo studio del budo è attraverso la pratica delle tecniche.

Inizialmente, l’Aikido si sviluppò dal Daito-ryu Aikijujitsu che fu tramandato dal vecchio clan Aizu. In particolare, dal periodo Edo fu chiamato Oshikiuchi e ricevette il sostegno del Daimyo (signore feudale). Fu poi rivitalizzato da Sokaku Takeda (1860-1943) che nella sua infanzia imparò Onoha Itto-ryu Kenjitsu. Studiò poi a lungo Jikishinkage-ryu Kenjitsu e anche Hozoin-ryu Sojutsu, dopo di che incorporò le tecniche di spada nel sistema jujutsu.

All’inizio del periodo Edo lo studio di atemi waza e kansetsu waza (tecniche congiunte) era altamente raccomandato da tutte le scuole. Questo perché il jujutsu si trasformò in un metodo di difesa personale. Si veniva attaccati da persone che indossavano abiti ordinari, tipici del tempo di pace, piuttosto che da nemici ricoperti di armatura sui campi di battaglia. Il jujutsu a mani vuote aveva assorbito i principi delle tecniche di spada e da questo punto di vista il Daito-ryu era davvero eccezionale.

Kano Jigoro - Ueshiba Morihei

Morihei Ueshiba Sensei (1883-1969) iniziò con lo studiare Tenjinshinyo-ryu, Kito-ryu, Yagyu-ryu e altri stili di jujutsu. Nel 1915, all’età di 32 anni, divenne un allievo di Sokaku Takeda e mostrò il suo talento naturale. Era anche un uomo molto devoto e si ritiene che abbia ricevuto l’illuminazione, spesso indicata come “shinjin aiki”. Di conseguenza cambiò il nome aikijujutsu e fondò l’Aikido.

Nei primi anni del periodo Meiji, Jigoro Kano Sensei (1860-1938) formulò il Judo Kodokan come forma moderna del vecchio jujutsu, proponendolo da un punto di vista educativo adatto alla nuova era. In primo luogo, prese le tecniche e gli stili di  combattimento delle vecchie scuole di jujutsu, li classificò logicamente e organizzò in un sistema di pratica randori. In secondo luogo, esemplificò il pensiero religioso confuciano, buddista e shinto in concetti che adatti ad essere inclusi nei manuali educativi moderni di filosofia ed etica. In questo modo rimosse parte della confusione tra le vecchie scuole di jujutsu ed fu in grado di mostrare il significato moderno del budo pacifico.

Una volta che le tecniche del jujutsu vecchio stile vengono classificate, possono essere separate in numerose diverse categorie, tuttavia il sistema di pratica di lotta del Kodokan Judo randori è composto da nage waza (tecniche di proiezione) e katame waza (tecniche di immobilizzazione). Altre tecniche vengono allenate con la pratica del kata.

Usando lo stesso metodo, il sistema randori di Shodokan Aikido comprende atemi waza e kansetsu waza dove c’è una certa distanza tra i partecipanti. Le tecniche che non possono essere incluse in questo sistema randori sono importanti e sono praticate nei kata. Quindi sono fiducioso che un importante aspetto tecnico della storia del jujutsu venga mantenuto vivo come forma di educazione moderna.

Atemi Waza e Kansetsu Waza non richiedono molta forza fisica, quindi è facile per uomini e donne di tutte le età continuare a praticare per tutta la vita. È molto utile per promuovere la salute e si può vedere il significato moderno di una pratica razionale, ad esempio migliorare la flessibilità, l’agilità e la destrezza.

speech notes by Tomiki Kenji Shihan

Inutile dire che ho chiamato questo dojo Shodokan, in onore del corrente periodo Showa. Grazie alla combinazione di un’opportunità d’oro, di una posizione favorevole e dell’armonia tra le persone coinvolte, questo dojo rappresenta un primo importante passo. Desidero esprimere i miei più sentiti ringraziamenti a tutti voi per il vostro supporto e consiglio sia in pubblico che in privato. Spero che continuerete a supportarci e incoraggiarci in futuro.


Kenji Tomiki
Direttore dello Shodokan
28th March 1976

Fonte: https://www.tomikiaikido.ie/kenji-tomiki-speech-shodokan-dojo