Saineikan Enbu 1941: La Dimostrazione di Aikido Imperiale


Nel 1941 Morihei Ueshiba presentò uno speciale Enbu per la famiglia imperiale presso il famoso Saineikan, il Dojo della Guardia Imperiale, situato all’interno del Kōkyo, il palazzo imperiale di Tokyo. Questo è uno dei momenti salienti nella storia dell’Aikido prebellico

di SIMONE CHIERCHINI 

Dieci anni dopo l’inaugurazione del primo dojo di Morihei Ueshiba a Tokyo, il Kobukan Dojo (皇武館道場) o Sala di Addestramento del Guerriero Imperiale, Morihei fu effettivamente in grado di portare la sua nuova arte marziale all’interno del Palazzo Imperiale alla presenza della famiglia imperiale. In questo saggio esamineremo i luoghi e le persone legate a questo importante evento nella storia dell’Aikido.

Il Palazzo Imperiale di Tokyo e la Famiglia Imperiale

Il Kōkyo (皇居), o “Residenza Imperiale”, è la residenza ufficiale dell’imperatore giapponese e della sua famiglia. Si trova a Tokyo, all’interno di un grande parco nel quartiere Chiyoda e comprende il Kyūden (宮殿), il palazzo principale dell’Imperatore, gli alloggi della Famiglia Imperiale e una serie di edifici amministrativi, culturali e religiosi [1] [11]. L’area del Kōkyo copre 3,41 kmq o 1,32 miglia quadrate, un terzo della residenza reale di Versailles, ma di dimensioni simili al Central Park di New York. Nel 1990, è stato stimato che il valore immobiliare dei terreni del palazzo sarebbe stato sufficiente per acquistare tutte le proprietà immobiliari della California [3].

Veduta aerea della Residenza Imperiale

La residenza fu costruita nell’ottobre 1868, utilizzando una porzione del sito precedentemente occupato dal Castello di Edo. Il castello era stato lasciato libero dallo Shogun Yoshinobu Tokugawa e dai suoi seguaci dopo la fine dello Shogunato e l’inizio della Restaurazione Meiji, quando l’imperatore Meiji trasferì la sua corte a Tokyo dal Palazzo Imperiale di Kyoto [2].

Il castello di Edo fu distrutto da un incendio nel 1873. La nuova residenza imperiale fu costruita nel 1888 e progettata sulla base di una contaminazione di concetti architettonici giapponesi ed europei tipici dell’epoca. Con l’eccezione dell’Agenzia per la Casa Imperiale e dei Giardini Orientali, l’accesso del resto della residenza imperiale è normalmente vietato al pubblico [11].

La famiglia imperiale al momento della manifestazione al Saineikan: Hirohito, Kojun, Yasuito, Nobuhito e Takahito

Nel momento in questione, le figure principali della Famiglia Imperiale erano:

  • Hirohito (裕仁) era l’imperatore in carica dal 25 dicembre 1926 come imperatore Shōwa (昭和), che è il nome dell’era coincidente con il suo regno [4].
  • L’imperatrice Kōjun (香淳皇后), nata principessa Nagako, era la sposa di Hirohito e madre di Akihito (明仁), futuro imperatore Heisei [4].
  • Yasuhito – Principe Chichibu (秩父宮雍仁親王), il secondo figlio dell’Imperatore Taishō (Yoshihito), era fratello minore dell’Imperatore Shōwa (Hirohito) e un generale dell’esercito imperiale giapponese [4].
  • Nobuhito – Principe Takamatsu (高松宮宣仁親王), il terzo figlio dell’Imperatore Taishō, era fratello minore dell’Imperatore Shōwa. Il Principe Takamatsu studiò all’Accademia Navale Imperiale [4], dove Morihei Ueshiba insegnava regolarmente Budo come materia obbligatoria.
  • Takahito – Principe Mikasa (三笠宮崇仁親王), era il quarto e il più giovane figlio dell’imperatore Taishō.

Il Saineikan Dojo

Il Saineikan Dojo si trova all’interno dei Giardini Orientali, l’area in cui si trovano la maggior parte degli edifici amministrativi. Il termine Saineikan è composto da sainei, usato nelle opere di Confucio per indicare un carattere nobile, e kan, o sala [6]. Fu fondato nel 1881 dalla Guardia Imperiale (Kōgū-Keisatsu) come iniziale forma di promozione per le arti marziali. Fu il luogo dove si svolsero i primi tornei di arti marziali moderne alla presenza dell’Imperatore, il conferiva ad esse legittimità e status [5].

Il Saineikan Dojo dopo la sua ricostruzione del 1933 (Copyright https://kenshi247.net/)

Nel 1923, il Grande Terremoto di Kanto causò ingenti danni alle strutture del Saineikan, al punto che le attività dovettero essere spostate in una sala temporanea per un decennio, quando fu ricostruito un nuovo dojo. Il Saineikan del 1933 è il dojo che abbiamo ancora oggi [6].

Sin dalla sua fondazione nel 1881, molti famosi budoka hanno popolato il Saineikan in quanto insegnanti, studenti o combattenti, persone come Tesshu Yamaoka, Hakudo Nakayama, Junichi Haga, Kiyoshi Nakakura [6] e, ovviamente, Morihei Ueshiba.

Jikishinkageryu naginata embu nel Saineikan dojo (1930) con Hideo Sonobe, ken, 15° soke dello stile Jikishinkageryū di naginata, e Sachiko Yamauchi, naginata. La principessa Yamauchi, in seguito divenne il primo presidente della All Japan Naginata Federation

Ueshiba, Takeshita e la Famiglia Imperiale

Come ha fatto un promettente ma oscuro insegnante di Budo di provincia a finire a insegnare ai membri della famiglia imperiale, oltre che al più raffinato establishment dell’epoca? Quando si spiega la formazione e l’ascesa alla notorietà di Ueshiba, la maggior parte della letteratura sull’Aikido suggerisce due motori principali per lo sviluppo di Morihei: uno marziale, Sokaku Takeda, e uno spirituale, Onisaburo Deguchi. Il problema con questo approccio è che Morihei molto probabilmente sarebbe rimasto una talentuosa e iluminata nullità marziale senza l’esteso e continuativo patrocinio ricevuto dall’ammiraglio Isamu Takeshita.

Morihei Ueshiba venne presentato a Takeshita dal vice ammiraglio Seikyo Asano. Asano era un credente Omoto-Kyo e incontrò Morihei ad Ayabe intorno al 1922 [7] [8] [9]. Ad Ayabe, Asano iniziò ad allenarsi nel Daito-ryu Aiki Jujutsu sotto Takeda e Ueshiba come assistente istruttore di Sokaku. Fu conquistato dalle abilità di Ueshiba e lo aiutò a stabilire una serie di contatti di alto livello all’interno della Marina Imperiale [8]. Soprattutto, Asano parlò della valenza di Ueshiba con l’ammiraglio Isamu Takeshita, già suo compagno di classe all’Accademia Navale Imperiale ed esperto di Budo. Asano suggerì a Takeshita di visitare il complesso Omoto-Kyo ad Ayabe per assistere a una delle lezioni di Ueshiba [7] [8]. L’ammiraglio andò ad Ayabe da Tokyo, assistette a una lezione nel dojo di Morihei e fu colpito dal superiore livello dei suoi talenti marziali [8]. Da quel momento in poi, Takeshita, che in precedenza aveva sponsorizzato Jigoro Kano e Gichin Funakoshi [12], avrebbe fatto del suo meglio per sostenere l’ascesa della nuova arte di Ueshiba [10].

Seduto, secondo da sinistra, è Isamu Takeshita, poi Morihei Ueshiba con Kisshomaru, Kosaburo Gejo, Seikyo Asano; in piedi, quarto da sinistra, è Yoichiro Inoue. Tokyo, c. 1927

Una volta tornato nella capitale, l’ammiraglio contattò Gombei Yamamoto – ex ammiraglio e due volte primo ministro giapponese (1913 e 1923) – e gli raccomandò Ueshiba sensei [7] [8] [10]. Di conseguenza, venne organizzata una dimostrazione privata per alcuni individui selezionati a casa di Takeshita [8], e per la prima volta il lavoro di Morihei Ueshiba uscì dal quartier generale di Omoto-Kyo e fu esposto al pubblico [11]. Dopo di che venne creata una rete di contatti che condividevano un interesse per il nuovo metodo di Morihei, coinvolgendo ufficiali militari, funzionari governativi e ricchi uomini d’affari [8].

L’ammiraglio Yamamoto fu molto colpito dalla performance di Ueshiba e lo portò al Palazzo Imperiale Aoyama [10]. Ueshiba venne incaricato di tenere un corso di formazione di 21 giorni presso il Palazzo Aoyama, corso destinato a membri della Guardia Imperiale titolari di un grado di almeno 5° Dan in Judo o Kendo [7]. Dopo una settimana, tuttavia, nel palazzo iniziarono a circolare voci che Morihei fosse una spia Omoto-Kyo (il primo incidente Omoto-Kyo del 1921 era ancora una ferita aperta) [13]. Ueshiba si offese, fece le valigie e lasciò il palazzo dicendo: “Torno ad Ayabe per riprendere l’agricoltura” [13].

Fu Takeshita a far guarire la ferita, convincendo Ueshiba a tornare a Tokyo e riprendere l’insegnamento. L’ammiraglio rassicurò Morihei dicendo che tutti i “malintesi” erano stati chiariti [13]. Nel 1926-27, con l’aumento della domanda di insegnamento, prima Kiyoshi Umeda [15], poi Ichizaemon Morimura, entrambi ricchi uomini d’affari, offrirono le loro residenze a Tokyo come dojo temporaneo e alloggio per Morihei Ueshiba [7] [15]. Nel 1927 Ueshiba e la sua famiglia si trasferirono definitivamente da Ayabe a Tokyo. Gli studenti continuarono ad arrivare e il dojo dovette essere spostato altrove diverse altre volte fino a quando il Kobukan non fu finalmente fondato nel 1931 [7]. Oltre all’ammiraglio Takeshita, gli studenti di Ueshiba includevano ammiragli e generali come Eisuke Yamamoto, Sankichi Takahashi, Gengo Momotake, Ban Hasunuma e Nobutake Kondo. Morihei iniziò ad insegnare all’Accademia Navale Imperiale (1927-28 ca.), Accademia Militare di Toyama (1932-33 ca.), Accademia del Personale Militare e Accademia di Polizia Militare (1941-42 ca.) [13] [16].

Campo Estivo 1931 presso l’Accademia Militare Toyama. Morihei è in prima fila, l’ottavo da sinistra

Nel 1939, il Kobukan Dojo ottenne uno status legale e l’anno successivo la Fondazione Kobukai fu ufficialmente riconosciuta. L’ammiraglio Isamu Takeshita fu scelto come primo presidente del Kobukai [7] [8].

Durante il periodo in cui insegnava Budo all’Accademia Navale Imperiale, Ueshiba Sensei insegnò a Nobuhito, il principe Takamatsu. La presenza del principe nell’accademia rendeva l’atmosfera generale complicata, per non dire altro. Gozo Shioda ha raccontato la storia della sua unica visita all’Accademia Navale come assistente di Ueshiba Sensei [19]. Per evitare di essere scortese con un membro della Famiglia Imperiale, Morihei aveva ordinato a Shioda di fare cadute piatte, per non alzare le gambe e rischiare di colpire il principe o altri reali in faccia con i piedi [19]. In precedenza era accaduto uno sfortunato incidente: uno degli studenti di marina era stato accoppiato prima con il principe Takeda, poi con sua moglie, anch’essa tra i praticanti. La principessa aveva proiettato lo studente e i piedi di lui si erano alzati, colpendola in fronte e ferendola, con grande imbarazzo di Ueshiba [22].

In quella fase, diversi membri della famiglia imperiale si erano uniti all’Aiki: i principi Takamatsu e Chichibu, fratelli dell’imperatore Hirohito, e i principi Higashikuni, Takeda, Rio e Kitashirakawa (membri di linee secondarie della Famiglia Imperiale) [19] [22]. Il principe Higashikuni e il principe Rio non avevano problemi ad allenarsi pubblicamente presso lo Ueshiba Dojo, mentre Morihei visitava regolarmente il Palazzo Imperiale per insegnare al principe e alla principessa Takeda [19]. Shioda ricorda di aver accompagnato più volte Ueshiba Sensei al Palazzo Imperiale con l’incarico di ricevere ukemi per la bella principessa Takeda: “Mi allenavo con lei trattandola come un articolo fragile. Quando mi toccava anche molto leggermente, cercavo di saltare e cadere il più lontano possibile” [19]. Tra i reali, i principi Higashikuni, Rio e Takeda furono quelli che praticarono l’Aiki più a lungo, cioè per circa tre anni [19].

Il manuale tecnico del 1938 “Budo”, il secondo libro pubblicato da Morihei Ueshiba e contenente immagini della serie di foto scattata presso il Noma Dojo, fu prodotto come supporto per l’allenamento del principe Kaya Tsunenori (賀陽宮恒憲王), cugino di primo grado dell’Imperatrice Kōjun [17]. Il principe Kaya, quindi, era un altro reale che studiava Aiki con Morihei intorno al 1937-8. È interessante notare che il principe divenne direttore dell’Accademia Militare di Toyama, dove Morihei era un istruttore di Budo, dal 1942 al 1943 [18].

L’Imperatore Hirohito presiede il Tenran-jiai del maggio 1934 nel Saineikan dojo (Copyright https://kenshi247.net/)

La Dimostrazione di Aikido Imperiale

L’Imperatore Hirohito era a conoscenza della passione di Takeshita per l’Aikido e chiese all’ammiraglio: “Takeshita, pratichi ancora l’Aikido?” [20]. Da quanto già spiegato, sembrerebbe chiaro che l’arte di Ueshiba avesse attirato l’interesse della Famiglia Imperiale ai suoi massimi livelli. Isamu Takeshita cercò di organizzare una dimostrazione privata per i reali nel Saineikan dojo, ma Morihei non fu entusiasta dell’idea [80]. Ueshiba inizialmente rifiutò di mostrare la sua arte adducendo la seguente motivazione: “In Aikido, il vincitore è deciso in un istante. Non c’è modo che il tuo avversario si alzi e ti attacchi di nuovo. Se lo fa, è tutto falso. Non posso assolutamente mostrare tecniche così false alla famiglia imperiale” [13] [21].

Morihei Ueshiba e Isamu Takeshita viaggiano insieme in treno (Copyright Aikido Sangenkai)

I commenti di Morihei furono riferiti all’imperatore, che apprezzò l’onestà di Ueshiba e chiese di assistere a una dimostrazione data nel suo formato abituale [13]. L’ammiraglio, poi, suggerì a Morihei di mostrare ai reali le sue “bugie”. Alla fine, la tenacia di Takeshita vinse Morihei, che non poté negarsi ulteriormente e accettò di dimostrare il suo Aiki nel Saineikan (1941) [8].

Quando finalmente arrivò il momento, Morihei Ueshiba ebbe la sfortuna di essere gravemente ammalato di un brutto caso di ittero [8] [21]. Aveva avuto periodicamente problemi al fegato fin da quando, da giovane, aveva bevuto otto galloni di acqua di mare per una scommessa [14]. Nei dieci giorni prima della faccenda con gli imperiali, Ueshiba era stato in grado di bere solo acqua e aveva avuto forti attacchi di vomito che avevano causato disidratazione [13]. Tuttavia, non poteva assolutamente cancellare l’evento. In conseguenza di quanto sopra, il giorno della dimostrazione, era diventato così fragile che i suoi studenti dovettero sostenerlo mentre camminava dall’auto al Saineikan dojo e aiutarlo a cambiarsi nella sua uniforme da allenamento [13] [21]. 

Ueshiba sensei fu accompagnato alla Dimostrazione Imperiale da due dei suoi deshi più fidati, Tsutomu Yukawa e Gozo Shioda [21]. La storia di Shioda, in seguito il famoso fondatore dello Yoshinkan Aikido, è ampiamente conosciuta. Tsutomu Yukawa era tra gli studenti anziani del Kobukan dojo e il preferito di Ueshiba [23]. In origine era uno dei principali studenti di Jigoro Kano, un 3° Dan di Judo quando Kano lo mandò al Kobukan con il seguente incarico: “Vai e ruba quello che puoi dall’Aikijutsu di Ueshiba!” [24]. Il piano non funzionò un granché, tuttavia, poiché Tsutomu si innamorò dell’Aikido e lasciò  invece il Judo e il Kodokan. Ueshiba apprezzava le sue abilità e la sua insolita potenza fisica [24]. Yukawa non aveva problemi a sollevare un mortaio da mulino con una mano mentre era sulla schiena [19] e poteva piegare un chiodo da 5 pollici a mani nude. Quando Kisshomaru Ueshiba si ammalò di pleurite nel 1941, Tsutomu Yukawa lo portò in braccio in ospedale. Morihei si fidava di Tsutomu e gli dette in sposa suo nipote Kiku [25]. Inoltre, in assenza di Ueshiba, Yukawa insegnava in diverse località di Osaka tra cui il Sumitomo Club, il giornale Asahi e il Dipartimento di Polizia [7] [19]. Yukawa fu uno degli allievi a ricevere ukemi nel film Asahi News girato ad Osaka nel 1935 [14]. Solo un anno dopo la manifestazione presso il Saineikan (luglio 1942), Tsutomu Yukawa morì tragicamente in un pub ad Osaka durante una rissa finita male, quando fu pugnalato con una baionetta da un soldato [23].

Tsutomu Yukawa

Prima di raggiungere il Saineikan, Yukawa e Shioda erano molto preoccupati da quello che vedevano, poiché le condizioni fisiche di Morihei erano terribili: “Come può dare una dimostrazione in questo stato? Non sopravviverà mai” [13]. Quando arrivarono al Saineikan e Ueshiba vide da lontano la Famiglia Imperiale, trovò improvvisamente un’incredibile riserva di forza interiore e determinazione e divenne pronto al 100% a recitare la sua parte [13] [21]. Shioda ammette di essere rimasto sbalordito nel notare questo cambiamento totale in Ueshiba e lo attribuisce al fatto che il suo sensei era un vero artista marziale, sempre capace di dare il meglio di sé indipendentemente dalle condizioni esterne [21].

Alla fine, l’imperatore Hirohito non era in realtà presente ed era rappresentato dai suoi fratelli minori, i principi Mikasa, Takamatsu e Chichibu. L’ammiraglio Takeshita assunse il ruolo di presentatore e descrisse quello che stava succedendo [22]. 

L’enbu iniziò con prolungate e prolungate formalità come dimostrazione di rispetto per i reali. Dimostrare davanti alla famiglia imperiale era un grande onore e tutto doveva essere perfetto e corretto [21] [22]. Il tempo assegnato per l’enbukai era di quaranta minuti, Yukawa sarebbe entrato come primo assistente e Shioda avrebbe dovuto seguirlo per la seconda parte di venti minuti [21]. 

Quando la manifestazione imperiale iniziò, Tsutomu Yukawa si alzò e affrontò Morihei Ueshiba. Aveva letto male la situazione, tuttavia, e decise di attaccare Morihei senza piena intenzione, essendo stato testimone delle cattive condizioni fisiche del suo insegnante solo pochi minuti prima e volendo proteggerlo [8] [21] [22]. Alla presenza della Famiglia Imperiale, al contrario, Morihei Ueshiba si era trasformato nella massima versione marziale di se stesso. Yukawa venne proiettato alla velocità della luce ed atterrò goffamente. Rimase sul tatami, incapace di alzarsi [21]. Gozo Shioda gli si avvicinò e scoprì che si era lussato la spalla [8] [13] [21] [22].

Gozo Shioda riceve Ukemi da Ueshiba sensei in una delle foto scattate nel Noma dojo

Shioda lo rimpiazzò fece da uke per Morihei per l’intero enbukai. Avendo fatto tesoro del doloroso errore di valutazione di Yukawa, Gozo attaccò il suo insegnante con tutta la forza che aveva, atterrando e rialzandosi rapidamente per affrontare di nuovo Ueshiba. Le tecniche di chiusura gli offrirono una qualche sorta di tregua. Shioda dovette però usare tutte le risorse fisiche e mentali disponibili per sostenere la più importante dimostrazione mai tenuta dal suo Sensei, attaccando senza tregua per tutti i 40 minuti [21].

Anche se la Dimostrazione Imperiale si rivelò una straordinaria esibizione del Budo da parte di Ueshiba [8], Morihei e tanto Yukawa che Shioda ebbero la febbre alta a causa dell’estremo sforzo della manifestazione e furono costretti a letto per una settimana [21] [13].

Nell’arco di poco più di un anno, con la seconda guerra mondiale in piena esplosione, tutti i personaggi coinvolti nella Dimostrazione Imperiale finirono impegnati in attività ben più preoccupanti. L’era prebellica dell’Aikido stava per finire. 

Copyright Simone Chierchini ©2020
Tutti i diritti sono riservati. Ogni riproduzione non espressamente autorizzata è severamente proibita

Note

[1] -, The Imperial Palace, The Imperial Household Agency, (-) https://www.kunaicho.go.jp/e-about/shisetsu/kokyo.html Retrieved 31/08/2020

[2] -, Imperial Palace, wdic.org, (2010) https://www.wdic.org/w/CUL/%E7%9A%87%E5%B1%85 Retrieved 27/08/2020

[3] Mueller Dennis C., The Oxford Handbook of Capitalism, Oxford University, 2012

[4] -, Deceased Members and Former Members of the Imperial Family, (-) http://www.oocities.org/jtaliaferro.geo/ Retrieved 02/09/2020

[5] Gainty Denis, Martial Arts and the Body Politic in Meiji Japan, Routledge, 2013

[6] Tokyo Musha-Shugyo, Kenshi 24/7, 2015 
https://kenshi247.net/blog/2015/08/06/tokyo-musha-shugyo/ Retrieved 01/09/2020

[7] Ueshiba Kisshomaru, Aikido, Hozansha Publications, 1985

[8] Pranin Stanley, Morihei Ueshiba and Admiral Isamu Takeshita, Aikido Journal, (-) https://web.archive.org/web/20140811184650/http://www.aikidojournal.com/article.php?articleID=72 Retrieved 29/08/2020

[9] Pranin Stanley, Kobukan Dojo Era – Part 1, Aikido Journal, 2014 https://aikidojournal.com/2014/12/10/kobukan-dojo-era-part-1/ Retrieved 29/08/2020

[10] Pranin Stanley, Interview with Kisshomaru Ueshiba – Part 1, Aikido Journal, 1983 https://web.archive.org/web/20071122022633/http://www.aikidojournal.com/article?articleID=535 Retrieved 30/08/2020

[11] Pranin Stanley, Interview with Kisshomaru Ueshiba: The Early Days of Aikido, Aikido Journal, 1988 https://web.archive.org/web/20071121232315/http://www.aikidojournal.com/article?articleID=445 Retrieved 31/08/2020

[12] Ciechanowicz Bartosz, O’Sensei Morihei Ueshiba: The Samurai in the Service of Peace, Independently Published, 2020

[13] Stevens John, Abundant Peace: The Biography of Morihei Ueshiba, Founder of Aikido, Shambala, 1987

[14] Pranin Stanley, The Kobukan Dojo Era – Part 2, Aikido Journal, 2002 http://aikidojournal.com/2002/11/18/kobukan-dojo-era-part-2/ Retrieved 31/08/2020

[15] Erard Guillaume, History of the Aikikai Hombu Dojo, Guillaume Erard, 2016 https://guillaumeerard.com/aikido/articles-aikido/history-of-the-aikikai-hombu-dojo/ Retrieved 26/08/2020

[16] -, Interview with Morihei Ueshiba and Kisshomaru Ueshiba, Aikido Journal, 1957 https://aikidojournal.com/2016/09/24/interview-with-morihei-ueshiba-and-kisshomaru-ueshiba/ Retrieved 01/09/2020

[17] Pranin Stanley, Hidden Before our Eyes – Decoding Morihei Ueshiba’s Technical Evolution, Aikido Journal, (-) http://members.aikidojournal.com/hidden-before-our-eyes-decoding-morihei-ueshibas-technical-evolution-by-stanley-pranin/ Retrieved 03/09/2020

[18] Pranin Stanley, in Saito Morihiro, Takemusu Aikido Special Edition (Vol. 6), Aikido Journal, 2012

[19] Shioda Gozo, An Aikido Life: Part VIII, Aikido Journal, 1985 https://aikidojournal.com/2003/10/01/an-aikido-life-08/ Retrieved on 16/08/2020

[20] Pranin Stanley, Takako Kunigoshi – The Dainty Lady Who Lit Up Morihei Ueshiba’s Kobukan Dojo, Aikido Journal, 1981 http://aikikaibucaramanga.blogspot.com/2012/04/entrevista-takako-kunigoshi-primera.html Retrieved on 10/08/2020

[21] Shioda Gozo, An Aikido Life: Part II, Aikido Journal, 1985 https://aikidojournal.com/2004/11/04/an-aikido-life-02/ Retrieved on 16/08/2020

[22] Pranin Stanley, Interview with Gozo Shioda, Aikido Journal, 1992 https://aikidojournal.com/2003/04/04/interview-with-gozo-shioda/ Retrieved on 31/08/2020

[23] Yamanaka Hideo, Pranin Stanley, Interview with Swordmaster Kiyoshi Nakakura, Aikido Journal, 1987 https://aikidojournal.com/2015/06/08/interview-with-swordmaster-kiyoshi-nakakura-1/ Retrieved on 27/08/2020

[24] Shioda Gozo, Aikido Shugyo – Harmony in Confrontation, Shindokan Books, 2002

[25] Pranin Stanley, Interview with Kisshomaru Ueshiba Aikido Doshu, Aikido Journal, 2004 https://aikidojournal.com/2004/07/02/interview-with-kisshomaru-ueshiba-aikido-doshu/ Retrieved on 31/08/2020


DONATE € 1.00

Aikido Italia Network is one of the main Aikido and Budo sites in Italy and beyond. Researching and creating content for this virtual Aiki temple of ours requires a lot of time and resources. If you can, when you are finished reading one of our articles, donate € 1.00 to Aikido Italia Network. It is a very small contribution, but we would accept it with gratitude. If you don't want to do it, it's okay. Aikido Italia Network is and will always remain free and we will always be delighted to have you here. Thanks! Simone Chierchini, Founder of Aikido Italia Network

€1,00

Un pensiero riguardo “Saineikan Enbu 1941: La Dimostrazione di Aikido Imperiale”

I commenti sono chiusi.